Vedi libri personali pubblicati

TIME – il blog di fotografia

Posted by Danilo Maraschi | recensioni | domenica 3 aprile 2011 13:38
P59

 

A questo indirizzo http://lightbox.time.com/ l’importante rivista statunitense TIME ha dato la luce ad un bellissimo blog fotografico. Spaziando su temi diversi, TIME, dimostra in questo modo come la comunicazione fotografica sia importante.
Vero è che siamo sul web… e i costi sono decisamente inferiori rispetto ad un medesimo progetto cartaceo che, probabilmente, non supererebbe il numero Zero.
Perché, da sfogliare, vogliamo solo gossip?

La gente, i volti…

Posted by Danilo Maraschi | progetti fotografici | martedì 8 marzo 2011 01:12

 

Una serie di ritratti fatti durante sessioni di lavoro o semplici giornate in cui incontri gente, parli con loro, ti metti di fronte ai loro occhi e fai parte della vita.

Anche autoritratti.

http://www.danilomaraschi.com/page.php?page=2&foto=37&ordine=1

Roberto Morelli liked this post

Enzo Dal Verme, fotografo.

Posted by Danilo Maraschi | recensioni | domenica 6 marzo 2011 17:54
Howto-cover

Tra le mille piazze web che frequento, mi sono incrociato casualmente con Enzo Dal Verme.

Enzo Dal Verme, fotografo, ha sede a Milano e Parigi, ma il suo lavoro lo porta a girare il mondo per fotografare luoghi e persone.

Dopo un rapido scambio di battute ho la fortuna di avere in anteprima  il suo nuovo lavoro editoriale: “How to Shoot a Reportage – brutally practical tips and tricks“.

Insomma, lo leggo e lo recensisco, perché dopo l’ultima pagina, ti viene subito voglia di partire e fotografare tutto!

La cosa bella di questo manuale è che non è un manuale. E’ una chiacchierata con un amico al bar. Pochi fronzoli e tanta sincerità. Parole chiare, frasi dirette. Consigli da chi ha più esperienza di te, senza che il tuo interlocutore abbia l’aria di essere uno che sale in cattedra.

I punti toccati sono tanti e molto interessanti.

Si parla di attrezzatura consigliabile, di tecnica fotografica, ma, soprattutto, di rapporto uomo-mondo. Già, perché arrivare in un paese straniero con una macchina fotografica al collo non ci giustifica dal non rispettare alcune regole d’oro, per noi e per chi diventerà poi soggetto dei nostri scatti.

Ascoltare, rispettare, essere curioso, quindi, delle storie altrui senza dover puntare da subito un 70-200 in faccia pur di scattare un ritratto che pensiamo imperdibile… Forse, 15 minuti dopo, quello stesso ritratto avrà anche un sorriso naturale!

Enzo ama la gente. Nelle sue fotografie c’è sempre un uomo o una donna, un sorriso, una smorfia o anche solo un puntino in lontananza… E se c’è gente, come detto prima, Enzo ci parla, fa domande e raccoglie informazioni. Ecco che le sue storie non sono solo immagini ma anche testi che ben si accompagnano costituendo un tutt’uno nel reportage.

Concludendo, questo “manuale” ha la capacità di arrivare subito al cuore di chi ama la fotografia. I consigli di Enzo sono attuali e ben si sposano con la nuova figura di fotografo-scrittore-blogger che il web 2.0 oggi richiede.

How to Shoot a Reportage – brutally practical tips and tricks” al momento è acquistabile solo on line, in lingua inglese, come ePub o PDF a questo indirizzo: http://www.enzodalverme.com/blog/2010/12/how-to-shoot-a-reportage-the-manual/.

Il portfolio di Enzo Dal Verme lo potete vedere al suo indirizzo web: www.enzodalverme.com, ma consiglio inoltre la visione di una breve intervista a NonSoloModa…

.

PARTO, PARTENZA… QUESTA E’ L’ESSENZA.

Posted by Danilo Maraschi | considerazioni generali | venerdì 31 luglio 2009 17:15

blog_1

Mi chiamo Danilo.

Fotografo lo straordinario del quotidiano e racconto le meraviglie della normalità.

Perché è nelle cose e nelle persone che ci circondano che possiamo constatare quanto marziano è il mondo in cui viviamo.

Non abbiamo bisogno di andare sulla luna o su marte. Chi vuole farlo spera di aprirvi un Hotel a sei, dieci, trenta stelle (lassù non mancano, direi!). Basta alzare la testa, voltarsi di scatto, cambiare tragitto e già ci si ritrova in un pianeta nuovo, diverso. E’ il mondo.

Con immagini e parole lo voglio raccontare. Con tutta la pretenziosità che si possa avere!

Con questo blog inauguro un percorso che per ora è solo un sentiero, una mulattiera. Vediamo se col tempo si trasformerà in una strada battuta con lo spazio adeguato per ospitare amici con cui condividere il viaggio.